Un intervento inaspettato

Ciò che oggi inaspettatamente mi porta a riscrivere in questa sorta di pseudoportale di idiozia esula un pò dalla mia volontà, nel senso che sono anche soggiogato dal fatto che l alternativa sarebbe sbobbinare delle lezioni dall improbabile comprensione, ma anche dal fatto che sono 2 giorni che di fronte a me ed alla mia finestra operano due rumorosi camion per fronteggiare il trasferimento di persone che stanno sopra di me ( presto non +, e questa è l unica parte positiva ) i cui addetti ai lavori tralaltro non si limitano al proprio impegno professionale ma si abbandonano facilmente e frequentamente a discorsi che, oltre ad essere di scarsa entità intellettuale, sono espressi in modo che li sentano tutti. Chiaramente ciò fiacca la mia volontà di studio, già gravosamente minata dall inerzia dei miei giorni.
 
Ne approfitto così, con la gioia dei miei numerosi fans, ma anche mia ( perchè il blog è il mio migliore amico, l ente supremo del superamento di fantomatiche crisi esistenziali ) di scrivere, per l appunto. Cosa sinceramente non lo so, perchè non so cosa scrivere. Posso raccontare che poco tempo fa ho avuto modo di andare a Londra con phoenix per vedere la partita Chelsea – Juventus di coppa dei campioni, oltre che per visitare la stessa città ed è stato un lustro di giorni veramente molto bello. Londra come ogni grande città europea ha un fascino proprio inimitabile che non mi permette di fare paragoni con le altre poche città che ho avuto modo di intravedere nella mia discutibile vita. Non posso racccontare tutto perchè ci sarebbe da aprire un blog a parte, vorrei accennare un solo episodio che mi ha fatto interrogare molto, che fu la prima notte, quando arrivammo in albergo, verso le 2 di notte, e suonammo. Rispose il portinaio che ci disse di attendere un pò ( chiaramente ciò fu detto in inglese con le conseguenti difficoltà di comprensione da parte nostra ) che ci avrebbe aperto. Passarono circa 5 minuti. Ora voglio dire, quando si immagina gente che lavora in albergo immaginate delle figure professionali in giacca e cravatta e tutte tirate… Invece io vidi ( perchè la porta era a vetri ) aprirsi una porta dal fondo e issarsi una figura barcollante, con una camicia completamente sbottonata che metteva in risalto una pancia tipicamente di birra e di color bianco rosato… Appena ci aprì notammo anche un alito che era un misto tra cipolla e birra. Ci diede le chiavi e ci mandò in stanza ( letteralmente ci mandò, nel senso che lui è rientrato senza neanche dirci come arrivare o altro ). Purtroppo quella figura enigmatica non la rividi + dopo quella volta, soprattutto mi chiedo certe volte come si sarebbe presentato se fosse uscito subito senza farci aspettare 5 minuti, a le certe volte in cui me lo chiedo la mente mi rifiuta la domanda e passa a quella successiva. Non posso raccontare tutto, sperò che le foto che metterò tra qualche mese aiutino…
 
Per il resto della mia vita mi mancano quattro tasselli affinchè si compia la profezia, chiaramente l ansia sta emergendo e ci vuole calma per gestire al meglio quest anno fuori corso. Poi finalmente quando si compirà la profezia tutti saremo finalmente contenti un paio di giorni prima di tornare a sprofondare nella mediocrità di un qualcosa che non dice nulla e che mi permetterà sicuramente di accumulare insuccessi e pseudosuccessi prima dell anno che mi permetterà di insediarmi da un vuoto presente a un tenebroso futuro. Che aspetto con ansia. O forse no?
 
Un saluto a tutti, soprattutto ai londinesi. 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...